This text is replaced by the Flash movie.
Category: PROGRAMMA, tavola rotonda by AIEP • ott 27th, 2011

incontri sulle tecnologie e l’arte

Incontri rivolti ai selezionati NAO durante il festival TEC ART ECO 02 CREAZIONI

Mercoledì 04 Maggio | Aula magna SUPSI-Lugano Trevano | ore 16:00 – 17:30

01/ Tecnologia-Ecologia

incontro con: Gianni Vattimo (filosofo), G. De Michelis (docente di informatica) S. Mirti (architetto e designer) / moderatore: Vito Calabretta (giornalista e critico d’arte)

Il rapporto tra tecnologia ed ecologia, analizzato a partire dalle sue implicazioni filosofiche e progettuali, è il tema dell’incontro che inaugura la sezione Work in Project del Festival Tec Art Eco 02 CreAzioni.

Un filosofo, Gianni Vattimo, un informatico, Giorgio de Michelis e un designer, Stefano Mirti, affronteranno, da ottiche diverse, la problematica ecologica nell’ambito delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, ponendo il fuoco delle loro riflessioni sul concetto di creatività e offrendo spunti e indicazioni utili ad alimentare il dibattito sulle molte questioni che gravitano intorno allo studio e alla pratica della progettazione interattiva.

L’intenzione è quella di ancorare la tematica ecologico-tecnologica  alla produzione artistica contemporanea e alle ricerche dell’Interaction Design, rifocalizzando i concetti stessi di creatività e di progettazione. Come si riconfigurano infatti le attuali capacità progettuali e creative? Da quali saperi originano e in quali circostanze si sviluppano? Come possono continuare a garantire una produzione di senso? All’intervento del Prof. Vattimo, dal titolo Creatività, tecnologia, comunicazione: dall’opera all’evento, seguirà una riflessione del Prof. De Michelis sulla sostenibilità ambientale e sociale e la presentazione di una serie di progetti emblematici, selezionati e commentati dal Prof. Mirti.

———————————————————————————————————————————————–

Giovedì 05 Maggio | Auditorium USI via buffi 1 Lugano | ore 18.30-20.00

02/ Tecnologie e Ambiente / Clouds

incontro con: Luca Mercalli (metereologo e climatolo), Massimo Banzi (fondatore di Arduino), Carlo Infante (critico di media art) / moderatore: Mario Conforti (giornalista RSI)

Luca Mercalli, metereologo e climatolo italiano celebre per il contributo alla trasmissione Che tempo che Fa di Rai3, riflette sull’impatto ambientale delle tecnologie e dialoga con Massimo Banzi, fondatore di Arduino ed esperto di interaction design e Carlo Infante, critico di media art, moderati da Mario Conforti (giornalista RSI), per immaginare nuove alleanze tra natura e tecnologia in grado di fornire un habitat al nostro esistere tecnologicamente modificato.

———————————————————————————————————————————————–

Venerdì 06 Maggio | Padiglione Conza Mac 1+2 via campo marzio Lugano | ore 18.30-20.00

03/ Tecnologia e Arte | INSTAGE, la scena delle nuove arti performative

incontro con: Gilles Jobin (coreografo), Marlon Barrios Solano (fondatore di Dance tech-net), Marianne Fontenier (direttrice artistica Les e-magiciens), Maria Grazia Mattei (direttrice artistica di MTMG), Claudio Prati e Ariella Vidach (direttori artistici TEC ART ECO), Simona Lodi (TOshare Festival)

Tec Art Eco IN-stage è una ricerca che mira a evidenziare la vocazione del Ticino come centro geo-culturale e tecnologico in cui l’interaction design e la creatività sono la chiave per lo sviluppo di nuovi progetti: dalla progettazione grafica per servizi multimediali interattivi alla nuova produzione delle arti dello spettacolo in senso tecnologico.

L’obiettivo della Tavola Rotonda è quello di offrire una prospettiva personale sull’innovazione tecnologica applicata all’arte, in questo caso specifico il campo delle arti dello spettacolo.

La manifestazione presenta una grande varietà di personaggi, festival, artisti e progetti che si sono distinti per la capacità di creare  eventi  significativi relativi ad “esperienze” connesse alla nuova arte digitale.
Il programma è strutturato in una prima tornata di presentazioni, dove ogni relatore presenta l’impatto dell’”interattivo” nella performance (danza, musica, teatro, film, video e arti visive) rispetto alla propria esperienza e alle prospettive future sullo sviluppo  degli strumenti innovativi. In una seconda fase il tempo sarà dedicato alle domande poste dal pubblico

———————————————————————————————————————————————–

Domenica 08 Maggio | Istituto i2A Vico Morcote | ore 11.00-16.30

h.11.00 | prima parte

04a/ Psicoanalisi , Creatività e Interaction Design

keynotes con A. Gabrielli, P. Migone / moderatore: C. Brosio

h.13.00 | seconda parte

04b/ Interactive Brunch

workshop conviviale con A. Legueurlier

Il tema centrale della riflessione teorica riguarda la CREATIVITÀ, come strumento progettuale per superare le criticità nel rapporto tra designer e utente. Il terreno di indagine è quello della progettazione interattiva, dove il rapporto co-progettuale di queste due figure si fa più stretto e il progettista ha la responsabilità di immettere un notevole sforzo critico e creativo nei momenti della raccolta, interpretazione, selezione e soprattutto elaborazione dei dati ricercati.

Come per l’interaction design, una pratica che abbandonando le certezze metodologiche dei linguaggi logici e scientifici, anche la psicoanalisi è contrassegnata dall’incertezza. L’intervento psicoanalitico opera infatti all’interno di una realtà – quella del paziente – contraddittoria e in fieri e necessita di strumenti interpretativi che accolgano le contraddizioni, anziché escluderle da sé o risolverle forzatamente in un metodo predefinito. Se i pazienti come gli utenti sono soggetti complessi, altrettanto lo sono le rappresentazioni elaborate da terapeuti e progettisti per approdare alla loro comprensione, costruzioni che ipotizzano criticamente e creativamente quanto negli analizzati è celato.

In questo quadro, l’intervento della dott. Gabrielli analizzerà cosa possa definire, dal punto di vista della psicoanalisi, un atto “creativo”, contrapposto ad un atto “nullo” o “distruttivo”.

Il tema della creatività verrà successivamente ripreso dal prof. Migone, che interverrà sul tema dell’interpretazione psicoanalitica del concetto di creatività, con riferimento alla psicologia dell’Io di Kris, ai processi primario e secondario di Freud, al processo terziario di Silvano Arieti, alla teoria del codice multiplo di Wilma Bucci.

A partire dalle teorie esposte, Anna Legueurlier condurrà un incontro laboratoriale, nella seconda parte della giornata, volto a esplorare in un format conviviale e rilassato con i partecipanti, le tematiche emerse, con l’obiettivo di riconoscere, isolare, predisporre una metodologia di progetto per la creazione sostenibile.

———————————————————————————————————————————————–


 

Leave a Reply