This text is replaced by the Flash movie.

03 dicembre

Si apre il 3 dicembre presso lo spazio di Care Of in un evento in collaborazione con Careof. Alle ore 19.00 inaugura la sessione pubblica di Artevisione 2019, cui seguirà alle ore 21.00 una serata di proiezioni sul rapporto tra danza e arti visive nei lavori video.

Protagonista della serata è la coreografia declinata con altre discipline artistiche tra cui spicca il lavoro di Gilles Jobin, maestro della danza svizzera e internazionale, che presenta in prima italiana WOMB, film in 3D che combina immagini stereoscopiche, danza, arti visive e musica. Presentato al San Francisco Dance Film Festival nel 2017, l’opera è stata premiata come Miglior Film Artistico/Sperimentale.

A seguire Jeremy DellerCecilia Bengolea con Bom Bom’s Dream, racconto surreale delle avventure di una regina giapponese di dancehall mentre si reca in Giamaica per competere in una gara locale.

A conclusione la presentazione del lavoro della compagnia svizzera Delgado Fuchs con l’opera Horsetail Knickerbelt.

WOMB

di Gilles Jobin Film in 3D

WOMB è un film in 3D che combina immagini stereoscopiche, danza, arti visive e musica, premiato al San Francisco Dance Film Festival nel 2017 come Miglior Film Artistico/Sperimentale.

durata 32′

BOM BOM’S DREAM

di Jeremy Deller e Cecilia Bengolea

Bom Bom’s dream segue le fantastiche avventure di una ballerina giapponese conosciuta come Bom Bom, che si reca in Giamaica dove partecipa alla scena musicale locale. Con i suoi effetti speciali low-fi e le sequenze fantasy, il video è un equivalente interculturale e contemporaneo di Alice nel Paese delle Meraviglie.

durata 12′

HORSETAIL KNICKERBELT

di Delgado Fuchs

Nella ruvidezza dei paesaggi minerali, si svolge una strana parata. Due corpi morbidi, sensuali ma fragili si distinguono dall’impostazione grandiosa; le loro danze sinuose, modulate da una tensione erotica, sembrano riprodurre riti immemorabili. Ma forse ripercorrono i passi di una civiltà, ai margini o in un punto di rottura dell’umanità.

durata 30′

Serata realizzata con il sostegno di Istituto Svizzero